Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Nell'ottobre del 1806, essendo Re di Napoli Giuseppe Napoleone, furono emanate nuove norme per la formazione del " Corpo del Decurionato" cui sarebbe spettata l'amministrazione dei Comuni o Università.

Precedentemente, il Sindaco veniva eletto su proposta dei Consiglieri o Parlamentari, ed in particolare su proposta del Sindaco uscente e dal 1°, 2° e 3° eletto ed approvato dall'assemblea.

Con la nuova normativa, il Decurionato presentava una terna per la carica di Sindaco e di 1° e 2° eletto e l'Intendenza, odierna Prefettura, provvedeva ad effettuare le nomine.

A norma delle disposizioni contenute nel libro I titolo 2 del Codice Napoleone e del prescritto Real Decreto del 29 ottobre 1808, fu istituito presso i Comuni il registro degli atti delle nascite e delle adozioni.

Da tali registri risultano Sindaci dell'Università di Cellamare:

1809-1810 - Mariano Luigi
1810-1812 - Pavone Leonardo
1812-1815 – Nardulli Oronzo
1815-1817 – Nardulli Giacomo
1817-1819 – Nardulli Oronzo
1819-1822 – Antonacci Giovanni
1822-1827 – Pavone Leonardo
1827-1830 – Lorusso Carlo
1830-1832 – Russo Rocco Paolo
1832-1834 – Pavone Leonardo
1834-1837 – DeSario Giuseppe
1837-1841 – Pavone Pietro
1841-1844 – Ronchi Michele
1844-1849 – De Sario Nicola
1849-1852 – Zella Giovanni
1852-1856 – Ronchi Michele
1856-1860 – Morena Emmanuele

Dunque, ultimo Sindaco sotto i Borboni fu Morena Emmanuele.

Torna a inizio pagina