Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Sapienza ed esperienza di un popolo

"I proverbi dialettali danno l'indice morale della sapienza e dell'esperienza di un popolo"(1).

Tipica espressione della cultura popolare sono i proverbi, in quanto sono il frutto di esperienze collaudate e costituiscono una sorta di regole di comportamento, i cui custodi sono i nostri anziani.

Rappresentano, cioè, tutta la filosofia della nostra gente e alcuni principi ai quali ispirarsi nella vita.

  • Ciel a p'ch'redd, iacq à campanedd - Quando il cielo è coperto di tante piccole nubi, simili a pecorelle, si prevede acqua abbondante.
  • Sparagn u tein à quan jè chiein - Risparmia quando c'è ricchezza - quando il tino è pieno.
  • U picch avanz, u assài ammangh - Il poco avanza, il molto manca.
  • Sòlt e ch'scienz viàt a ci nt'n - Soldi e coscienza, beato chi ne ha.
  • Com' u carvoun; c' u piggh veiv t' cosc'; c' u piggh murt t' tèng - Il carbone se lo prendi vivo e acceso scotta; se lo prendi morto e spento tinge. Il carbone vivo o morto, viene paragonato ad una persona cattiva, sempre nociva alla società.
  • Ci v' ò m'uein, nà v' o trappèit - Chi raccoglie grano non può andare al frantoio.
  • Natal sicch, massàr ricch - Se dicembre è secco, i campi daranno buon raccolto.
  • Pasqua chìevos grègn granos - Quando piove a Pasqua si fa buon raccolto di grano.
  • Int a la vign' u soul strign - Nella vigna il sole deve giocare e non vi deve essere ombra. Cioè nella vigna il sole deve sempre brillare per aversi un raccolto abbondante.
  • Ci uò iabba u v'cein, chuccht prist, e ialz't a matein - Se vuoi ingannare il vicino coricati presto e levati di buon mattino.
  • Aquann ùaccied cand in gabbie, nà cand p'amor, ma p'rabbie.
  • Aquann u dìau t'allisc, vòl disc cà vol l'an'm.
  • Aquann u mareit povried, mangh à m'gghier ù pòt v'dà.
  • Addur u sand e tienue a mend.
  • A lav' a chp o ciùcc s perd jacqu e sapon.
  • Attàcch ù ciùcc a ddov vol u patron.
  • Ci tratt m'bratt.
  • Ci lass a str'd a vecch, s'p cià lass ma na' s'p ce tro'v.
  • Ci nasc quadr nà poùt m'rè tunn.
  • Ci spart iev' a mugghia part.
  • Ci uast e aggiust na perd m'tiemb.
  • Cì zapp b'v all'acqu, cì fott b'v alla vott.
  • F b'n e scurdatiue, f' m'l è pienz.
  • I paret'r nà ten'n recch e send'n.
  • L'art d' Colass, mang' e b'v e st' alla spass.
  • La cer s' strùsc e à pr'c'ssion nà camein.
  • Mitt't ch chid megghie d t' a fang i sp's.
  • Na mamm jè p' ciend feil, ciend feil nà sò p' nà mamm.
  • Na paraul mangand e r'tirt s'n a cast.
  • Ogne p't serv o par't.
  • Pr'g'nedd à nott sc'v a r'bann e à de s' p'ggh'v àppagur.
  • Sc'kut all'arie cà mbàcc t v'n.
  • Senza lloch'r voùl pagg' a fndiàrie.
  • S'rn't alla ch's di snatu'r nàng n'voln.
  • Tutt i ue o' ch'n màzz.
  • Uaccìedd pisc' ù lìet e ù cùl jev mazz't.
  • U p'r va jacch ù su'azz.
  • Viat à ci nasc cà cammis.
  • A San Giuann ogne ch'lombr pass da ngann.
  • C chiov alla Cannlor u vier'n st fo'ur, c non chiov st' tiemb angor.
  • L'acqu' ca non è fatt ngie'l stt.
  • Sanda L'cè crèsc à nott e mangh a dè.

Modi di dire

  • Sett e iott e pigghie da sott. – Frusc d' scoup nov.
  • Sop' a l'r: sull'aia – R't o mur: dietro le mura.
  • Soup a vià nouv: via di Bari – Menz'a chiazz: in piazza.
Torna a inizio pagina