Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.

Territorio

Estensione, confini e morfologia

Il territorio di Cellamare è poco esteso ed ha una forma particolare. Esso presenta un corpo massiccio più largo verso Est, ed una piccola appendice a Nord-Est, collegata al resto del territorio da una caratteristica strozzatura percorsa dalla strada comunale Via di Noja.

Il perimetro del territorio comunale misura 13 Km. Cellamare confina a Nord, Nord-Ovest, con il territorio di Capurso, a Est con il territorio di Noicattaro e a Sud, Sud-Ovest, con il territorio di Casamassima. Cellamare ha con Capurso il tratto più lungo di confine: questo infatti si sviluppa per 5,9 Km. Questa parte di confine inizia a Nord-Ovest, costeggia prima la ex statale 100, poi una carrareccia; quindi, subito dopo aver superato di traverso Via di Bari, che si immette sulla statale 100, cambia direzione, volgendo verso Est con andamento piuttosto irregolare, per diventare poi abbastanza tortuoso, dopo la strada vecchia per Capurso. Per la maggior parte questo tratto di confine è segnato dai muretti a secco che dividono i poderi.

Con il territorio di Noicattaro il confine si sviluppa per 4,1 Km; rettilineo prima verso Sud nella contrada Nizzo, dirigendosi poi verso Ovest, dopo aver seguito Via di Noja, cambia ancora direzione volgendo verso Sud. Assume un andamento irregolare dopo aver tagliato la Via Rutigliano. Di qui segue prevalentemente i muretti a secco che dividono i terreni e giunge a fiancheggiare la strada comunale Via di Turi, che si innesta sulla provinciale Adelfia-Rutigliano.

Lungo il confine con Noicattaro, sulla Via di Rutigliano si trova un blocco di pietra su cui è incisa la parola "NOJA". Probabilmente la sua funzione, nei secoli, è stata quella di segnare il confine tra i territori dei due paesi, ma anche di costituire un punto di riferimento per la viabilità dell'epoca.

Infine il confine con il territorio di Casamassima si sviluppa per 3 Km. Anche in questo tratto il confine è segnato convenzionalmente e si snoda interamente lungo i muri a secco, con andamento tortuoso verso Ovest fino ad arrivare presso la ex statale 100.

Il territorio di Cellamare ha una estensione di 586 ha, di molto inferiore alla media dei Comuni della provincia di Bari. La struttura geologica del terreno è prevalentemente calcarea. Ne è testimonianza la presenza in alcune contrade di grandi lastre di calcare che affiorano dal terreno, le lunghe file di muretti a secco che attraversano le campagne e le dimore rurali costruite sovrapponendo le pietre calcaree. Cellamare è situata ai piedi della bassa Murgia ed è per questo interessata da morbidissime ondulazioni che di poco superano i 100 metri di media. L'andamento del rilievo è tale che si nota un aumento in altitudine procedendo da Nord a Sud.

Dalla contrada Torre delle Monache all'altezza di circa 160 metri, da Via delle Grottaglie all'altezza di 150 metri, da contrada Falerno e dalla collina di Pacifico, si possono godere viste panoramiche di Cellamare e di diversi paesi vicini, fino a scrutarne il mare all'orizzonte.

"Chiudendo queste nude e povere carte d'una cronaca paesana, ho il piacere di dire ai giovani cellamaresi, cui è serbato come ad ogni giovinezza l'avvenire della patria: Potevate voi pensare ad una storia del vostro Comune, che è tra i più piccoli e spesso negletti della popolosa Terra di Bari?

Eppure, modesta che sia, ecco la storia del vostro natio loco. Serbatela cara. Essa ricorderà le origini della vostra terra, il significato delle vostre vie, e del vostro territorio; di ogni pietra e di ogni traccia dell'antico vi riferirà la voce passata dei vostri padri.

Se ogni comune d'Italia, piccolo o grande che sia ha la pagina fulgente di storia civile ed educatrice, ed ha anche la sua gesta gloriosa, ricordatevi, o rudi lavoratori della terra cellamarese, che anche questa vostra piccola patria ha la sua gesta di gloria, di cui può essere fiera ed orgogliosa come le maggiori città d'Italia".

Vincenzo Roppo

Fonte: V. Roppo, "Memorie Storiche di Cellamare" – 1925

Le Contrade

  • Strade vicinali
  • Via per Turi
  • Via dei Sette Aratri
  • Via delle Piantate
  • Via delle Grottaglie
  • Via Pezza S. Maria
  • Via per Casamassima
  • Via Torre delle Monache
  • Via del Parco
  • Via Falerno
  • Via Corregge
  • Via Montrone
  • Via Pozzo Pennino
  • Via Vecchia Valenzano
  • Via Specchione
  • Via Fornarulo
  • Via Strettole
  • Via Scerrera
  • Via di Noia
  • Via delle Croste
  • Via Falasaico
  • Via Capacci
  • Via S. Pietro a Fogliano
  • Via Fondo Sapone
  • Via Palmintello
  • Via Arboscelli

Mappa

Torna a inizio pagina